Deprecated: Function ereg_replace() is deprecated in /home/.sites/90/site11/web/libs/func_kda.inc.php on line 168 Recensione di Autumn In New York - Joan Chen - W2M
W2M - Home Page
W2N Welcome to the News
W2N Welcome to the News INHUMANE RESOURCES di Michele Pastrello
W2N Welcome to the News Maria Grazia Cucinotta e Graziano Debellini per la rinascita di L'Aquila
W2N Welcome to the News ULTRACORPO, il nuovo corto di Michele Pastrello
W2M Newsletter
W2M Newsletter
Iscriviti

W4M Written for the Movies
Quante volte ti è capitato di leggere un libro e augurarti che ne venisse fatto subito un film?
W4M trasforma il tuo libro in un film!
Breaking News
Breaking News
Autore:
Frank Schatzing
Anno:
2014
Archivio W4M's
Segnala il tuo W4M

M4M Music for the Movies
Kill Bill Vol. 1
Kill Bill Vol. 1
Archivio M4M's
Segnala il tuo M4M

W2M Trivia
Il più grande inganno che il diavolo ha fatto all'umanità, è stato fargli credere di non esistere.
INDOVINA IL FILM INFO



 
 
AT HOME | Scheda Film


Autumn In New YorkAutumn In New York
di Joan Chen (2000)

Da dove si incomincia per redigere la cronaca di uno sfacelo? Partiamo dal titolo, anzi dalla locandina che ritrae da vicino i due protagonisti del film mentre passeggiano sorridenti per un viale alberato di un parco newyorkese. Tale immagine potrebbe far pensare vagamente alla locandina di 'Harry, ti presento Sally' (1989): avete presente no quel meraviglioso film di Rob Reiner con Billy Crystal e Meg Ryan, pieno di dialoghi intelligenti e arguti e di scene da antologia? Ecco appunto, dimenticatelo, scordatelo completamente per un attimo perchè qui siamo in un'altra galassia. Credo che finora non sia stata realizzata più brutta rivisitazione del celeberrimo 'Love story' (1970): in 'Autumn in New York' il soggetto e la sceneggiatura (se tali si possono definire) vengono completamente affogati in un oceano di banalità, di melassa, di sentimentalismo esibito, compiaciuto, stucchevole, mellifluo e sdolcinato (ho dimenticato qualcosa?). Le situazioni proposte sono imbarazzanti e la caratterizzazione dei personaggi piatta e prevedibile: Richard Gere interpreta un uomo cinico e insensibile. Chi mai avrebbe il coraggio di tradire gratuitamente una ragazza in fin di vita?! E’ vero che il personaggio subisce poi un’evoluzione ma è così scontata e trattata superficialmente che non risulta affatto convincente. Con il personaggio di Charlotte poi, interpretata da una sbiadita Winona Ryder, tocchiamo il fondo e rasentiamo il ridicolo; è talmente irreale da risultare persino fastidiosa: sembra uscita da un libro di favole, è infantile e priva di personalità. Pensate che il suo hobby (o la sua professione...non ci è dato modo di capirlo con chiarezza) consiste nel realizzare inutili cappellini (che poi cappellini non sono...) per svariate ricorrenze mondane o private! Davvero un esordio alla regia poco brillante per Joan Chen, anzi pessimo: costato 40 milioni di dollari, il film ne ha incassati oltre 90 in tutto il mondo di cui 37 negli Stati Uniti: si tratta già di una cifra enorme per un film così mediocre, se pensiamo che 'The pianist' (Il pianista,2002) di Roman Polanski si è fermato a 20 milioni e un capolavoro assoluto come 'Dogville' (2003) di Lars Von Trier ha faticato per racimolare un misero milione e mezzo di dollari! Che scandalo! Se consideriamo poi che quasi contemporaneamente a ‘Autumn in New York’ è uscita un’altra pellicola dalla trama praticamente identica e dal titolo molto simile (‘Sweet november’…che originalità!!) con una soltanto bella Charlize Theron e un Keanu Reeves assolutamente a disagio, capiamo benissimo quanto sia desolante e (quasi) totalmente privo di qualsiasi iniziativa il panorama del cinema hollywoodiano del nuovo millennio. E’ questo che non riesco a concepire: lungometraggi assolutamente insulsi e inutili come questi continuano ad essere prodotti e distribuiti senza che nessun critico si scomponga più di tanto; poi quando Madonna decide di realizzare un innocuo remake di ‘Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto’ (1974) di Lina Wertmuller, si grida allo scandalo e il film viene boicottato (o meglio annientato in questo caso...) ancora prima che esca nelle sale semplicemente per partito preso contro la celebre popstar… Comunque due cose si salvano dal naufragio totale della pellicola: la bellezza di Winona Ryder, ex-ragazzina prodigio nonchè attrice-feticcio del Tim Burton-prima maniera (Beetlejuice e Edward Scissorshands) che speriamo risalga presto la china perchè, nei film giusti, è veramente impagabile (Mermaids, Dracula, Reality bites tanto per citare qualche esempio…); e infine non possiamo dimenticare l'espressione del viso e la bravura di Anthony La Paglia, un valido attore che per girare un film decente sarebbe dovuto volare fino in Australia dove ha partecipato come protagonista a quel piccolo capolavoro che è 'Lantana' (2002). Voto: Quattro.

GIUDIZIO: 1/2 W

E' un film in generale sconsigliabile a chiunque, soprattutto al pubblico maschile (io l'ho guardato semplicemente perchè per combattere il nemico bisogna conoscerlo...).Se qualcuno ha voglia di guardare un bel dramma strappalacrime ma di qualità, potrei consigliarne diversi infinitamente migliori di questo: Love story (1970), Anonimo veneziano di Enrico Maria Salerno (1970), Kramer Vs. Kramer (1979), Ordinary people (Gente comune, 1980) e Terms of endearment (Voglia di tenerezza, 1983).


Daniele Daccò


Acquista Autumn In New York su www.ibs.it
Acquista
Autumn In New York
su iBS.it
Acquista Autumn In New York su www.ibs.it

ARCHIVIO RECENSIONI

 
Nell'archivio delle recensioni di W2M sono ad oggi presenti 836 film.
Per effettuare una ricerca inserisci qui di seguito un titolo, un regista o una parola e trova il tuo film!
 
  Cerca il film


Puoi anche consultare l'archivio alfabetico dei titoli presenti:

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | #
 

ULTIMI INSERIMENTI
Pompei
A casa
Pompei
di Paul W.S. Anderson

Kolossal storico di produzione americana (e si vede…) che ha il suo richiamo nell’attore Kit...
Smetto quando voglio
A casa
Smetto quando voglio
di Sydney Sibilia

Esordio positivo dietro la macchina da presa di Sibilia con una commedia agrodolce che pone in...
Non buttiamoci giù
A casa
Non buttiamoci giù
di Pascal Chaumeil

Tratto dal bestseller di Nick Hornby, l’opera di Chaumeil è una commedia che pone al suo centro...
Robocop
A casa
Robocop
di José Padilha

Nel 1987 la fantasia di Paul Verhoeven creava un giustiziere impersonale, infallibile e diventato...
Divergent
A casa
Divergent
di Neil Burger

Prosegue la ricerca, quasi spasmodica, del sostituto “young adult” di Twilight e Harry Potter. Ci...
Amazing Spider-Man 2, The
A casa
Amazing Spider-Man 2, The
di Marc Webb

A due anni di distanza ecco la puntata numero due del reboot dell’Uomo Ragno. Sempre con Marc...
Noah
A casa
Noah
di Darren Aronofsky

Aronofsky è uno di quei registi che non passa inosservato; le sue opere generano commenti, aprono...
Monuments men
A casa
Monuments men
di George Clooney

George Clooney torna dietro la macchina da presa per la quinta volta portando sullo schermo la...
Wolf of Wall Street, The
A casa
Wolf of Wall Street, The
di Martin Scorsese

La notte del prossimo 2 marzo sapremo chi l’avrà spuntata tra i nove film in corsa per l’Oscar. The...
Snowpiercer
A casa
Snowpiercer
di Bong Joon-ho

Produzione Corea del Sud, USA e Francia, per un film di fantascienza che rischia di diventare un...

 

 

 
 

© 2020 w2m.it - realizzazione tecnica: E.R.WEB - s.r.l. | Privacy Policy | Cookie Policy